Non c’è tempo migliore di quello “sprecato” per noi stesse. Intervista alla make up artist Valeria Orefice

///Non c’è tempo migliore di quello “sprecato” per noi stesse. Intervista alla make up artist Valeria Orefice

Non c’è tempo migliore di quello “sprecato” per noi stesse. Intervista alla make up artist Valeria Orefice

Amante del “macabro”, esperta nelle tecniche di riproduzione di trucchi dark, sempre più di tendenza attualmente per Halloween e non, Valeria Orefice è l’artefice di particolarissimi lavori, spaventosamente belli, che spaziano da teschi messicani a finte bruciature. Ci ha spiegato in cosa consiste questa arte. Non perdetevi, inoltre, i suoi preziosi consigli per delle labbra impeccabili e una perfetta beauty routine!

Perché hai scelto di dedicarti al mondo del make up e qual è l’aspetto più entusiasmante del tuo lavoro?

Per quanto possa sembrare strano, è iniziato tutto per “gioco”; l’obiettivo finale era me stessa! Poi da un semplice corso di ricostruzione unghie, ho iniziato il mio percorso estetico, specializzandomi come truccatrice. In realtà, venivo già da un percorso artistico e non vi nascondo che spesso mi sono state chieste delle sfumature particolari, che, nonostante non avessi alcuna competenza, mi riuscivano abbastanza bene. In fondo dipingere un viso è come creare un quadro su tela; e, diciamoci la verità, per quanto complicato sia, noi donne siamo abituate a mascherarci. Attraverso il make up forgiamo il nostro scudo indistruttibile (tranne che con lo struccante), così come le Geishe attraverso quei trucchi meravigliosi creano un loro mondo misterioso.

Nei trucchi Beauty cerco in ogni modo di non stravolgere molto l’aspetto di una persona, diciamo che deve essere “indossabile” da ognuna di noi. Quante volte dopo essere stata truccata mi sono guardata allo specchio e…. voilà, avevo preso le sembianze di zio M’Arrabbio di Kiss me Licia. Il discorso è diverso, invece, per i make up artistici; lì posso dare sfogo alla mia creatività, in quell’istante mi allontano dalla realtà e do il via a un altro mondo. È tutto lì il segreto: belli o brutti, realtà o immaginazione, non c’è nulla di più bello di vedere nello sguardo di chi trucco la felicità per aver reso unico un singolo giorno.

Valeria Orefice

Valeria Orefice

Realizzi dei particolarissimi lavori, spaventosamente belli, oserei dire, e visibili sul tuo profilo Instagram valerihanna87. Sono incentrati sull’horror. Parlaci di questa tipologia di trucco, tendenza sempre più diffusa e ricercata.

Innanzitutto grazie per il complimento. Amo questa tipologia di trucchi, poiché riesco a esprimere una parte di me che non tirerei mai fuori, e una parte di me che mi rappresenta completamente. Curo tutto nei minimi particolari e la pazienza regna sovrana. Io dico sempre che un lavoro fatto bene richiede tempo, energie ed anima e cuore! Inoltre, amo molto Tim Burton, condivido la sua concezione di “macabro”, secondo la quale nel mondo dei vivi è tutto triste e buio, al contrario del regno dei morti, dove tutto è gioioso e illuminato. Indubbiamente è, però, grazie alla famosissima festa celtica di Halloween che questa tipologia di trucchi sta diventando tanto di tendenza.

Svelaci qualche piccolo segreto per fare in modo che anche mani non esperte possano riprodurre qualche dettaglio dark in occasioni come la notte di Halloween ad esempio (una ferita sanguinante, piuttosto che punti di sutura).

E se vi dicessi che in tutte le case sono presenti preziosi strumenti di lavoro… ci credereste??? Armiamoci quindi di colla (quella lavabile per bambini) e carta igienica per ottenere delle bruciature della pelle da…. Paura!

Quanto studio c’è dietro un trucco del genere e perché ti appassiona questo settore?

Sicuramente più di quanto si possa immaginare, anche se è pur sempre vero che non c’è mai limite alla creatività. Ad esempio, un teschio messicano non sta lì per caso, esso esorcizza il male, a differenza di quello che si possa pensare, e, in parte, mi allontana dalle negatività presente nella mia vita. Ognuno di esso, inoltre, rappresenta parte dell’animo della persona defunta, con elementi precisi, che vanno da rose, fiori, ghirigori, fino ad ancore, chiavi ecc. In fondo la maggior parte dei trucchi che ho realizzato sono teschi, sia per questi motivi, sia perché sicuramente in un effetto speciale ci sarà più lavoro, ma mancherà di disegni…. e io amo disegnare!

Sei anche stilista, modellista e esperta di pirografia… Quanta creatività e quanta fantasia accompagnano i tuoi lavori? A cosa ti ispiri per realizzarli?

Diciamo che in tutto quello che ho fatto c’è di base la mia dote artistica, che va dal creare un abito, al realizzarlo, al, come io lo chiamo, tatuare il legno. Questa è stata una sorta di sfida e molte pirografie mi sono state commissionate, ma la mia fonte d’ispirazione è sicuramente i Pirati dei Caraibi, in particolare Jack Sparrow…. Scusate Capitano Jack Sparrow!

Consigli per labbra impeccabili? Quali passaggi bisognerebbe seguire ancor prima della stesura di un rossetto?

Consiglio sicuramente di bere e idratare il corpo dall’interno. Poi un piccolo peeling con zucchero e miele non guasta mai e infine, prima della stesura di un qualsiasi prodotto per le labbra, consiglio l’utilizzo di un buon burro cacao.

Quanto è importante la skin care quotidiana per una donna? Segui una beauty routine particolare?

Non è solo importante… Io penso sia di essenziale importanza, non solo la skin care, ma in generale ritagliare nella giornata del tempo per noi stesse. Non c’è tempo migliore di quello “sprecato” per noi stesse; ovviamente sprecato in senso ironico, poiché coccolarci fa bene soprattutto al nostro umore e non è vero donne che non avete tempo! Dedicate 5 minuti in meno ai social e adoperateli per voi stesse! Per quanto riguarda me (ovviamente ricordiamo che ogni viso è diverso) dopo essermi struccata e dopo aver deterso il viso, applico un siero, una crema idratante, l’immancabile contorno occhi e un burro cacao alle labbra.

Cosa ne pensi del trend metal, protagonista del make up look per la stagione invernale in arrivo? E come creare particolari smokey eyes con prodotti metallizzati?

Sicuramente è uno dei miei preferiti! Tutti quei prodotti scintillanti… a chi non farebbero gola? Io poi (anche se ahimè so che su pelle con presenza di oleosità come la mia non va fatto) amo “l’effetto lampadina”! Per creare uno smokey sicuramente opterei per un prodotto wet and dry usandolo appunto prima cremoso e poi sfumandolo da asciutto!

Follow Instagram valerihanna87

By |2018-12-31T00:34:52+00:00Dicembre 18th, 2018|About Beauty, Blog|0 Comments

About the Author:

Leave A Comment